Vij5

Chi:

Mieke Meijer ha studiato presso la design academy di Eindhoven e si è confrontata, per la prima volta, con  l’idea di produrre del legno partendo dalla carta, nel 2003.

Dati i risultati altalenanti, le difficoltà e i costi di produzione del materiale, ha accantonato l’idea per un certo periodo. Fino all’incontro con Arjan van Raadshooven e Anieke Branderhorst, creatori e proprietari dell’azienda ij5, una piccola etichetta di arredi che ha mostrato interesse per il prodotto e ha fornito mezzi e capitali per la costruzione  di macchinari adatti alla produzione in serie (seppur di ridotte dimensioni).

Cosa:

Mieke Meijer e l’azienda Vij5 hanno stretto una collaborazione per la produzione di una serie di mobili costruiti con un materiale dalle caratteristiche simili al legno ottenuto attraverso la pressatura e l’incollaggio di quotidiani destinati al processo di riciclaggio.

Un particolare uso di questo materiale che ne interrompe il ciclo di riciclaggio (lungo, ma non infinito) per conferirgli un nuovo valore più duraturo.

Perché:

Il caso studio è stato preso in considerazione in quanto rappresenta un esempio abbastanza particolare di utilizzo di un prodotto già esistente, la carta stampata, un prodotto facilmente rintracciabile e recuperabile da chiunque, che viene investito di una nuova identità tramite un processo che, a suo modo, lo riporta all’origine.

Il nuovo materiale ottenuto viene lavorato e modellato per creare arredi dal taglio non innovativo, in questo caso, ma identificabili in quanto unici date le loro peculiarità.

Inoltre ci si confronta con la necessità di dover ideare e realizzare una serie di macchinariche permettano di ottenere il “legno” senza sbavature o difetti, cosa non fattibile attraverso una produzione casalinga e manuale.

Vij5

Report Vij5